Visitare le città con i bambini, ecco 10 consigli per rendere speciale il viaggio

Visitare una città, per un bambino, potrebbe risultare noioso e faticoso. Tuttavia il viaggio, con qualche stratagemma, può diventare un’esperienza unica e indimenticabile di vita familiare, durante la quale grandi e piccini possono trovare spunti interessanti e tanto divertimento.

Continuate a leggere per scoprire i consigli dell’eMagazine dedicati a tutti coloro che vogliono organizzare la visita di una città con bambini e ragazzi di ogni età.

La logistica è importante

La visita di una città, anche di modeste dimensioni, può essere un’esperienza stressante. Soprattutto per i più piccoli. La buona organizzazione del viaggio è fondamentale per limitare spostamenti e tempi d’attesa lunghi: due fattori che possono mettere a grave rischio la pazienza di ogni bambino. Per questo, puntate su hotel centrali e ben collegati, studiate bene i trasporti della città da visitare e non dimenticate passeggini e scarpe comode.

Stuzzicate la loro curiosità

Se volete che i vostri bambini non vedano l’ora di visitare la città scelta come meta di viaggio, non mancate di preparare il campo al loro stupore. Informatevi sulla meta (qui nell’eMagazine troverete tanti spunti di viaggio) e fate leva sui loro interessi: musei, parchi divertimento, storia antica… Ogni città del mondo ha qualcosa da raccontare anche a loro.

Evitate piani di visita con ritmi troppo serrati

Dimenticate le vacanze in coppia e le visite frenetiche di tutte le attrazioni  offerte dalla città. Nella visita con bambini al seguito la tabella di marcia dovrà essere molto più rilassata e si dovrà sacrificare qualche museo di arte moderna. Provate a sostituirlo con un parco divertimenti o con un museo delle cere. Volete qualche consiglio su cosa fare e cosa vedere in viaggio con i bambini? Leggete i nostri approfondimenti. Nel planning, poi, non può mancare il momento relax.

Obiettivo cibo

Anche se i vostri bimbi non sono dei gran mangioni, è meglio sapere sempre dove andare a mangiare. Per un’esperienza di viaggio completa, non mancate di far loro assaggiare i piatti tipici (magari quelli meno speziati) delle città visitate. Anche il gusto è parte integrante della memoria e dell’esperienza.

I souvenir sono un ricordo tangibile

Ogni città che valga la pena visitare ha il suo negozio di souvenir o la sua produzione artigianale tipica. Anche se per voi, esperti viaggiatori, questi ninnoli non sono che trappole per turisti alle prime armi, ma per i vostri bambini può essere un ricordo di un viaggio speciale in famiglia e può rievocare in loro le atmosfere della città visitata.

L’avventura inizia dal viaggio

Non dimenticate, l’avventura della scoperta di una nuova città (vicina o lontana che sia) per un bambino inizia dal viaggio per raggiungerla. Preparare le valigie, recarsi in aeroporto e decollare con l’aereo regala senz’altro sensazioni magiche. Per avere qualche consiglio su come prepararsi al viaggio in aereo con bambini, leggete il nostro approfondimento.

Categoria: Info Viaggio | Tag: | 02 08 2016