Alla scoperta Palazzo dei Gran Maestri dei cavalieri di Rodi

Palazzo dei Gran Maestri cavalieri di Rodi

Il Palazzo dei Gran Maestri dei cavalieri di Rodi è un edificio storico simbolo della città greca di Rodi e rappresenta una bellezza tanto impressionante da essere parte del patrimonio artistico e architettonico protetto dall’Unesco.

La struttura è un’antica fortezza costruita nel 1300 all’interno del quartiere militare chiamato “Collachium” cuore pulsante della città dove la popolazione poteva rifugiarsi per sfuggire agli attacchi nemici. I cavalieri di San Giovanni, appartenenti ad ordine militare cristiano furono i principali protagonisti della vita all’interno di questo spazio con a capo Foulques de Villaret il quale acquistò Rodi da un ammiraglio di origine genovesi chiamato Vignolo de’ Vignoli.

Il luogo ha attraversato diverse trasformazioni in quanto nel periodo della dominazione ottomana fu utilizzato anche come prigione, prima di essere distrutto in seguito ad un incidente avvenuto in un deposito di polvere da sparo all’interno di un edifico situato a pochi passi dalla chiesa di San Giovanni. L’aspetto attuale del Palazzo dei Gran Maestri dei Cavalieri di Rodi ha un tocco tutto italiano. È stato l’architetto Vittorio Mesturino ad occuparsi della sua ristrutturazione nel ‘900 proprio negli anni della presenza italiana nella penisola ellenica.

Dal punto di vista architettonico, il palazzo si presenta come un luogo di grande fascino, maestoso eppure semplice a primo sguardo. L’entrata principale è impreziosita dalla presenza di due grandi torri che danno accesso al cortile interno dove sono situate le statue greche e romane.

La linearità dell’esterno si contrappone alla ricca presenza di sale e stanze decorate con mosaici, tappeti, reperti antichi, vasi e dipinti. I visitatori possono accedere a più di venti sale tra cui spiccano il Salone dei Ricevimenti, la Sala della Musica, la Sala delle Nove Muse e le stanze dove alloggiava il Gran Maestro.

Il Palazzo dei Gran Maestri cavalieri di Rodi è un modo insolito per tuffarsi nella storia di questi luoghi  grazie alle opere in esso custodite. Tra le bellezze qui presenti c’è il giardino ricco di profumi e specie vegetali caratteristiche del bacino mediterraneo ed i mosaici. Per maggiori informazioni su visite e accessi all’edificio è possibile consultare il sito web ufficiale.

Fonte immagine: I, Sailko [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

Categoria: Viaggi in Europa | Tag: , , | 28 07 2017