La storia di Palermo: palazzo Branciforte

Palazzo Branciforte vanta un legame profondo con la città di Palermo e con la famiglia che nel XVII secolo lo abitava e dalla quale prende il nome.

Appartenuto al conte di Raccuja, il nucleo originario del Cinquecento, venne ampliato dagli eredi che ottennero il permesso di inglobare anche la strada antistante, divenendo una delle dimore nobiliari più sontuose della città di Palermo.

Nel 1801 la famiglia Branciforte accettò di destinare il palazzo a sede del Monte della Pietà della Pignorazione. Il complesso originario dell’edificio fu danneggiato nel 1848, dando inizio a lavori di restauro che ne avrebbero modificato la disposizione interna. Il prestigioso restauro del 2012 ad opera dell’architetto Gae Aulenti, ha restituito al palazzo il suo antico splendore.

Attualmente Palazzo Branciforte rappresenta un importante polo culturale della città di Palermo: al suo interno conserva una straordinaria collezione archeologica, ceramiche, monete e sculture. Di grande prestigio è anche la biblioteca con oltre 50 mila volumi e al primo piano la struttura lignea che ospitava gli oggetti lasciati in pegno nel corso del tempo.

Palazzo Branciforte a Palermo è aperto tutto l’anno ad un costo di soli 7€. Prenota il tuo volo per Palermo con Meridiana e scopri la culla della civiltà siciliana.

 

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/the_island_inside

Categoria: Viaggi in Europa | Tag: , , | 19 07 2016