Centro storico di San Pietroburgo, patrimonio dell’umanità UNESCO

Chiamata la “Venezia del nord”, San Pietroburgo conserva uno straordinario patrimonio storico-architettonico che le è valso l’iscrizione nell’esclusiva lista dei patrimoni dell’umanità UNESCO. A detenere tale titolo è il centro storico e il gruppo di monumenti lì concentrati.

Il valore storico e artistico dei suoi edifici e dei suoi monumenti può essere compreso solo dopo aver scoperto qualcosa sulla storia di questa città russa.

La storia di San Pietroburgo

L’edificazione della città che doveva diventare simbolo della Russia iniziò nel XVIII secolo. L’ambizioso progetto dello Zar Pietro il Grande prevedeva di trasformare l’inospitale territorio del delta della Neva in una città moderna e regale. Per arrivare a ciò, venne impiegata un’impressionante forza lavoro, sfruttando i prigionieri di guerra svedesi e ottomani, nonché i lavoratori finlandesi ed estoni e i soldati dell’armata russa.

Lì dove un tempo vi erano paludi, sorsero palazzi, chiese e conventi, circondati da un sistema di strade e canali.

Il sogno di Pietro il Grande venne reso glorioso e reso monumentale grazie agli interventi voluti successivamente dalle zarine Anna Ivanovna, Elisabetta Petrovna e Caterina II la Grande. Interventi per i quali vennero chiamati a corte architetti provenienti da ogni parte del mondo.

I progetti si susseguirono fino al XIX secolo, sotto Paolo I.

Perché il centro storico di San Pietroburgo è patrimonio dell’umanità UNESCO

È stato proprio l’apporto creativo dei tanti architetti di fama internazionale durante il periodo del Diciottesimo e Diciannovesimo secolo che hanno reso San Pietroburgo una capitale mondiale del Barocco imperiale e dello stile Neoclassico.

Come spesso accade per i patrimoni UNESCO, l’interesse meramente architettonico dei luoghi è reso ancora più significativo, perché teatro di grandi eventi storici. Per ciò che riguarda San Pietroburgo, per anni capitale dell’impero russo, le vie e i palazzi di questa città hanno visto partire la scintilla della Rivoluzione d’Ottobre (1917).

Cosa vedere nel centro storico di San Pietroburgo

La lista dei luoghi e dei monumenti d’interesse nel centro della capitale culturale della Russia è lunghissima. Di seguito riportiamo una selezione di cose da non perdere durante una visita nel cuore storico di San Pietroburgo:

Casa di Pietro I – L’edificio più antico di San Pietroburgo (1703).

Fortezza e Cattedrale di Pietro e Paolo – L’imponente struttura che domina l’isola Zaychy sul fiume Neva.

Moschea di San Pietroburgo – Ha il primato, per grandezza, tra le moschee d’Europa.

Gli edifici dell’isola Vasil’evskij – Qui si trovano alcuni degli edifici più antichi di San Pietroburgo, come: i Dodici collegi, il Kunstkamara, il Palazzo Menšikov e l’Accademia russa di belle arti.

Palazzo dell’Ammiragliato – L’edificio stile Impero che rappresenta il cuore di San Pietroburgo.

Museo dell’Ermitage – Un complesso di edifici che comprende, tra l’altro, il Palazzo d’Inverno.

Prospettiva Nevskij – L’arteria principale della città.

I tesori del centro storico di San Pietroburgo non si esauriscono con questa selezione. Per scoprirli tutti non resta che prenotare il vostro volo per San Pietroburgo con Meridiana.

Categoria: Viaggi nel Mondo | Tag: , , | 30 06 2015